Magnetoterapia

La Magnetoterapia è una forma di fisioterapia che utilizza energia elettromagnetica.
E’ indicata nei casi in cui sia necessario stimolare la rigenerazione dei tessuti dopo eventi lesivi di varia natura:

• risanamento di fratture ossee
• recupero anatomico e funzionale di nervi lesi
• riduzione di cicatrici cutanee deturpanti
• trattamento di contusioni, distorsioni articolari e di piccoli traumi muscolo-articolari

In questa terapia vengono utilizzati impulsi elettromagnetici a bassa frequenza, al fine di dare un aiuto nella cura di diverse sintomatologie legate a stati infiammatori o a patologie ossee.  
Tali impulsi elettromagnetici agiscono sulle membrane cellulari ripristinando il loro corretto potenziale che è fondamentale per assicurare l’apporto di nutrienti all’interno della cellula.
Inoltre i campi magnetici riattivano la circolazione sanguigna, migliorando l'ossigenazione e il nutrimento dei tessuti. Nel caso delle cellule nervose, il più rapido recupero del potenziale di membrana è in grado di aumentare la soglia di percezione del dolore, inducendo di fatto un certo effetto analgesico.
A livello di organi e strutture anatomiche, questi effetti si traducono in analgesia, riduzione dell’infiammazione, stimolo al riassorbimento degli edemi.
In più i campi magnetici pulsati hanno un particolare effetto di stimolazione della migrazione degli ioni di calcio all’interno dei tessuti ossei, che sono in grado di indurre il consolidamento della massa ossea e favorire la riparazione delle fratture.
Gli effetti della magnetoterapia possono essere usati per molteplici scopi terapeutici accelerando il decorso di svariate affezioni:

- di tipo infiammatorio e traumatico (artrosi, neuriti, flebiti, tendiniti, stiramenti muscolari, ecc.)

- di tipo reumatico e articolare (artrosi, tendiniti, epicondiliti, borsiti, mialgie, cervicalgie, lombalgie, periartriti, trattamento delle fratture sia durante che dopo gessatura); infatti, la magnetoterapia influenza direttamente il tessuto osseo, accelerando la formazione del callo osseo, mobilitando gli ioni di Ca++

- riparazione delle ulcere di ogni tipo (traumatiche, da decubito, da ustioni, venose (specialmente di tipo cronico) e in tutte quelle patologie in cui e' richiesto una maggiore micro vascolarizzazione e/o rigenerazione tessutale, quali l'attecchimento di autotrapianti, il consolidamento di calli ossei ecc.)
E' una terapia indicata anche per pseudo-artrosi, osteonecrosi, algoneurodistrofia, sindromi canalicolari (ad es. il 'tunnel carpale'), spalla dolorosa.
Nel caso di Osteoporosi favorisce la mobilizzazione degli ioni di calcio e il consolidamento dell’osso osteoporotico, concorrendo alla riduzione del dolore.

Il centro Evolution